Copertine (e titoli) a confronto – Nina George

Copertine a confronto per il best seller di Nina George recentemente recensito e noto in Italia con il titolo di “Una piccola libreria a Parigi”.

Iniziamo, come senz’altro è buona norma fare, con l’edizione originale (in questo caso quella tedesca). Da notare il titolo (“La stanza color lavanda”) e l’immagine a esso attinente (come è giusto e logico sia).

das lavendelzimmer

Bene. Per quanto riguarda le numerose edizioni “estere” le scelte degli editori sono quanto mai eterogenee, ma credo sia possibile raggrupparle in alcune macro-categorie:

  • Quelle fedeli all’immagine originale (e che optano per una traduzione letterale del titolo).

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Quelle che mantengono nell’immagine il riferimento al bel fiore viola e odoroso ma ritengono più importante, per quanto concerne il titolo, sottolineare il riferimento alla Provenza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Un caso che nell’immagine conserva la lavanda ma che preferisce, nel titolo, inserire un richiamo alla “farmacia letteraria” (l’edizione norvegese, per la precisione).

det litteraere apotek

  • Copertine nelle quali l’immagine evoca l’atmosfera di Parigi, ponendo l’accento su quella che è l’ambientazione (iniziale) della vicenda. Per quanto riguarda il titolo in questa categoria ci sono edizioni che tendono a mettere in evidenza il riferimento a libri e librerie (sinceramente non so come bene cosa significhi il titolo nella versione israeliana, visto che non mi è riuscito di trovare una traduzione).

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Quelle che preferiscono fare ricorso a un’immagine che evochi da vicino quella del battello che è la casa della “farmacia letteraria” di Monsieur Perdu.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • E da ultimo ci sono le edizioni che…beh….che hanno optato per una scelta, diciamo creativa e controcorrente (leggi per nulla attinente all’originale) tanto nel titolo quanto nella copertina. In quest’ultima categoria rientriamo anche noi italiani. Certo, il riferimento dei francesi (visivo e  non) alle lettere ha una certa attinenza con la trama, la nostra scelta di immagine….uhm….non tanto.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...