Solo di lunedì – “L’estate nera” di Remo Guerrini

Il padre di Santino ammazzava di lunedì.

 

QUESTA è la frase con cui si apre il romanzo di Remo Guerrini “L’estate nera”, edito da Newton & Compton.

L'estate nera

Ricordate le regole del gioco che vi ho proposto? Non conosciamo la trama di questo libro. Abbiamo a disposizione solo la copertina e la frase di apertura. Sappiamo che si tratta di un giallo, questo sì, lo abbiamo capito, anche sulla base di queste poche informazioni. Che dire di un giallo che inizia con una frase del genere? Quali sono i primi pensieri che vi suscita? Conoscete le regole, ve ne concedo tre. Per quanto mi riguarda ecco qua.

  1. Lo ammetto, il primo me lo sono giocata male, perché la reazione istintiva quando ho letto questa frase è stata “Aspetta, cosa?”. Ho dovuto rileggere perché pensavo di avere frainteso qualcosa….
  2. Appurato che non avevo frainteso….cosa ammazzava il padre di Santino? Persone? Trattandosi di un giallo il dubbio credo sia più che legittimo…e, nel caso, alla faccia! Si potrebbe dire che l’autore abbia voluto entrare subito nel vivo della faccenda… Se invece si tratta di animali (il padre di Santino potrebbe ovviamente essere benissimo un macellaio) tutto a posto, nessun brusco tuffo nella narrazione.
  3. Ma perché proprio di lunedì? Capisco perché non di domenica, ma perché non di mercoledì, o di venerdì, per esempio? Per scoprirlo dovremmo naturalmente continuare la lettura, ma questo esula dalle regole del gioco…

Questo è tutto per quanto riguarda le mie reazioni. Ora il verdetto….mi piacerebbe continuare la lettura? Decisamente sì, anche solo per capire perché il padre di Santino ammazzasse proprio di lunedì….

Giocando con gli incipit…

In questa sezione vorrei proporvi un gioco, un gioco che, inizialmente, è nato come pratico sistema per sfoltire la mia “lista-di-libri-che-prima-o-poi-vorrei-comprare”. Con cadenza più o meno settimanale pubblicherò la prima frase di un romanzo. Solo la prima. Nient’altro.

Vorrei che immaginaste di avere a disposizione solo quella, solo quel dato (e la copertina) per decidere se concedere al libro in questione una possibilità e inserirlo nella vostra lista delle possibili future letture o, invece, accantonarlo definitivamente, e vorrei che condivideste con me la vostra decisione.

Vorrei anche che mi diceste così, di getto, senza pensarci troppo, quali sono i primi pensieri, emozioni, impressioni, interrogativi che la frase pubblicata ha suscitato in voi. Ve ne concederò tre.

Ovviamente per dare il buon esempio io per prima parteciperò. Allora, che ne dite? Giochiamo?